Servizi minimi per il turista? 2


La bella stagione è ormai più che alle porte.

Noi de L’ALTRA SCIACCA ci siamo lecitamente chiesti in che modo la nostra città, a vocazione turistica, si stia preparando ad accogliere i numerosi visitatori che verranno a trovarla.Non c’è dubbio che ad aspettarli ci sarà una bellissima ed accoglientissima cittadina, ricca di Storia e tradizioni, ma c’è sicuramente ancora molto da fare per garantire ai turisti, quelli che noi vogliamo definire “servizi minimi”.

Mettiamoci, per una volta, nei panni di chi viene a Sciacca per trascorrere le sue vacanze. Dopo aver fatto visita ai suoi numerosi monumenti, cosa vorrebbe trovare?

Sicuramente non dovrebbero mancare i servizi igienici. Non bastano i W.C. presenti in Piazza Angelo Scandaliato, ne servirebbero altri. A tal proposito, supportiamo la proposta del Comitato San Michele che ha chiesto, negli scorsi giorni, all’amministrazione comunale di collocarne alcuni in quella zona e soprattutto in occasione del mercatino rionale del sabato mattina.

Ritenendo che il “famoso” turista potrebbe aver, soprattutto, bisogno di acqua (potabile o meno) abbiamo percorso alcune vie cittadine alla ricerca di una fontanella funzionante ma quasi nessuna lo è più. Cogliamo quindi l’occasione per suggerire a chi di competenza un loro tempestivo ripristino.

Il turista, poi, è tipicamente diverso dal saccense che ama star seduto sulla propria autovettura, anche per i piccoli spostamenti. Il turista, sia perchè solitamente non dispone di mezzi propri al seguito sia perchè ama camminare, si sposta sicuramente a piedi.

Per questo bisogna garantirgli la massima fruizione di tutte le vie percorribili a piedi, che vanno curate e pulite. Non per ultime, vanno sistemate tutte le scalinate che rappresentano una valida scorciatoia tra le diverse zone della città.

Le scalinate del quartiere marinaro sarebbero già a posto, come si può rilevare dalle nostre foto:

Da sistemare immediatamente, mediante scerbatura e pulizia, sono invece: quella della Discesa Bagni (frequentata quasi esclusivamente dai villeggianti)

e quella che collega la Piazza Angelo Scandaliato alla zona Marina. Per quanto riguarda quest’ultima, dobbiamo far presente per l’ennesima volta che non c’è ancora stata una degna risposta alle nostre continue sollecitazioni, a cadenza quasi mensile, da parte dell’Ass. Ignazio Bivona che aveva assicurato l’inizio dei lavori di riqualificazione del primo tratto (fino al parcheggio sottostante) per la fine di Marzo. Siamo alla fine di Maggio, niente è stato fatto, e la scalinata si presenta ancora così:

Da curare particolarmente, in vista della stagione estiva, sono le spiagge e l’accesso alle stesse che deve essere essenzialmente garantito a tutti.

Come avevamo riferito il 22 Aprile scorso, è stata già fatta una pulizia preventiva e dalle foto seguenti si può osservare la differenza tra il “prima” e il “dopo”. La sporcizia, però, è stata accantonata sulla spiaggia, sperando che nel frattempo non arrivi qualche mareggiata.

Avevamo segnalato il fenomeno che colpisce la Via Ulisse in Zona San Marco definendolo la “festa” o il “miracolo” della frana.

E’ questa la “tradizionale” frana che viene “rattoppata” alla meno peggio ogni volta che si ripresenta. Il 4 Aprile era comparsa e adesso non si vede quasi più.

Le differenze in questo “prima” e “dopo” fotografico:

in attesa che il miracolo si ri-compia, proprio come la liquefazione del sangue di San Gennaro, alla prima pioggerella estivo-primaverile.

Durante il nostro giro perlustrativo abbiamo rilevato che versa in un totale stato di degrado, come segnalato gli scorsi anni anche dalle TV locali, la scaletta e la successiva passerella che percorrono parte delle mura cittadine in zona Mattatoio Comunale a San Michele.

Sarebbe opportuno riqualificare anche questa suggestiva zona cittadina. Ci permettiamo di proporre la realizzazione, all’interno di questa struttura, che ben si presta ad un tale progetto, di uno spazio per l’ascolto di esibizioni di musica all’aperto.

Con l’occasione siamo andati a verificare se “qualcosa” era stata fatta per tamponare lo stato di degrado, segnalato da noi lo scorso 9 Maggio, in cui versa un’abitazione abbandonata lungo la Via Quartararo, in zona Castello Luna. Dal “prima” e “dopo”, nelle foto che seguono, si nota qualche elemento “architettonico” in più che ci fa convincere che qualcuno l’abbia voluta mettere in maggiore sicurezza anche se rimane molto pericolante.

Per ultimo, e non in ordine di importanza, abbiamo visionato nuovamente i Parchi Robinson cittadini che, purtroppo, sono rimasti tali e quali dalla nostra ultima segnalazione, eccezion fatta per quello “rinnovato” di Zona Stazzone.

Per quest’ultimo, abbiamo anche raccolto le lamentele dei passanti sull’insufficiente distanza esistente tra i giochi ed il muretto di recinzione (cosa che renderebbe quest’ultimo, alquanto pericoloso in caso di caduta dei bambini dagli scivoli, ne approfittiamo per segnalarla a chi di competenza, anche se sappiamo che non si può avere tutto dalla vita).

Il Parco però risulta già pronto per essere utilizzato e noi speriamo che si possa inaugurare quanto prima, essendo ormai l’unico decente rimasto in città.

Dimenticavamo! In questo nostro articolo, abbiamo parlato di “servizi minimi per il turista” ma questi  rappresentano al contempo “servizi massimi per i cittadini” perchè i turisti sono “stagionali” ma i saccensi siamo “stanziali” e principalmente Sciacca deve diventare vivibile per tutti e per tutti i giorni dell’anno!


Add Comment Register

Leave a Comment

2 thoughts on “Servizi minimi per il turista?

  • gcirchirillo

    Io penso, ma questa è solo una mia idea, che senza dirlo espliciotamente questo articolo è indirizzato ai nostri amministratori (ALCUNI DEI QUALI NON RISPONDONO MAI MAI MAI) i quali, se si impegnassero da domani fino al termine del loro mandato, nel realizzare le cose che si chiedono con questo articolo, renderebbero un servizio all’immagine della città ed alla sua economia, migliorando al contempo la qualità della vita dei saccensi.
    Buon Lavoro