AAA CERCASI BAMBINO DISPOSTO A FARSI MALE… 3


Dopo anni di assoluto degrado, viene finalmente stanziata, in questi giorni, una piccola somma di denaro per la manutenzione e la messa in sicurezza della Villa Comunale di Sciacca. Era ora!

Qual è stata la molla scatenante? – La protesta del Comitato Pro-Villa Comunale o di tutti i saccensi?
– Le varie denunce, da parte di associazioni, partiti politici, comitati ed emittenti televisive sullo stato di incuria delle strutture e del parco giochi presenti al suo interno?

Purtroppo No! Prima che il Comune intervenisse, doveva farsi male un bambino.

Ricostruiamo i fatti, dagli articoli pubblicati su Agrigento Flash dal giornalista Franco iacch:

24-03-2009 – Sciacca, bimbo si ferisce: chiusa villa comunale
Un bambino di 12 anni di Sciacca ha riportato ferite ad una mano mentre giocava sullo scivolo di un parco giochi all’interno della villa comunale “Scaturro”. Per cause in corso di accertamento, un dito dell’arto sinistro del ragazzino è rimasto incastrato tra la lamiera e il telaio in legno dello scivolo, rischiando di essere tranciato di netto. Il bambino è stato medicato al pronto soccorso dell’ospedale Giovanni Paolo II della città termale. Il Comune ha disposto la chiusura della villa e avviato un’indagine amministrativa interna per accertare se i custodi della villa avessero segnalato o meno lo stato di pericolosità dello scivolo. La polizia ha effettuato un sopralluogo per accertare eventuali responsabilità di carattere penale.

26-03-2009 – Sciacca, bimbo ferito alla villa comunale: La famiglia procederà contro il comune. Sindaco dispone indagine
Continua a tenere banco la questione villa comunale. Come si ricorderà, martedì scorso, un bambino di dieci anni, si è ferito ad un dito mentre giocava su uno scivolo. Il piccolo, è stato subito trasportato presso l’ azienda ospedaliera saccense e poi presso l’ ospedale di Mazara. Nei prossimi giorni sarà sottoposto ad un intervento di ricostruzione del dito. Intanto, la famiglia, tramite il proprio legale, annuncia che sporgerà denuncia contro il comune. Il sindaco Turturici, invece, ha disposto un’ indagine amministrativa interna per accertare se i custodi della villa avessero segnalato o meno lo stato di pericolosità dello scivolo. L’ assessore al verde pubblico del comune di Sciacca, Michele Coco, infine, ha affermato che interventi di rimozione saranno effettuati nelle prossime ore e che si pensa di ridurre i giochi e potenziare la vigilanza all’interno della villa per preservarla dai vandali.

02-04-2009 – Sciacca, bimbo ferito alla villa comunale: Stanziati 5 mila euro per la manutenzione dei muretti e dei viali
Sono iniziati, ieri mattina, i lavori di messa in sicurezza nella villa comunale di Sciacca. Stanziati 5 mila euro per mettere in sicurezza uno dei pochi spazi verdi della città che, necessita, comunque, di ulteriori interventi. Nella villa comunale, intitolata ad Ignazio Scaturro, sono all’opera sei lavoratori socialmente utili che stanno procedendo ad un intervento di pulizia straordinaria, alla rimozione di alcuni giochi per i bambini e alla messa in sicurezza dei muretti lungo i viali della villa. Come si ricorderà, la scorsa settimana, un bambino si è ferito ad una mano mentre si trovava sullo scivolo all’interno della villa Scaturro. La famiglia del piccolo, che si è procurato una vasta ferita al quinto dito della mano destra, si è rivolta ad un legale, l’ avvocato Adriano Mulè Cascio, che procederà nei confronti del Comune anche con una richiesta di risarcimento danni.

Quindi la prassi appare chiara. Per ottenere un intervento di manutenzione da parte del Comune occorre che qualcuno si faccia male. Nella fattispecie, per un parco giochi, dove i controlli dovrebbero essere più severi, in quanto utilizzato dai bambini, non servono denunce preventive o quant’altro, occorre che il bambino di turno si faccia male.

E allora, visto che i nostri numerosi dossier sui parchi Robinson di Sciacca non sono serviti a modificare lo stato delle cose e sussistono elementi di sostanziale pericolosità per i bambini, anche su analoghe strutture comunali, vogliamo lanciare la nostra provocazione:

Cerchiamo un bambino disposto a farsi male anche sugli scivoli o sui ponti del parco Robinson di Contrada Perriera o sui giochi del Parco delle Terme o di quello di Via Giotto. Tanto paga il Comune.

Ieri siamo stati al Parco Robinson di Contrada Perriera, utilizzato nella stessa giornata da numerosi bambini. E abbiamo rilevato, come si evince dalle foto pubblicate, che insistono numerosi elementi potenzialmente pericolosi anche sui giochi presenti in questo complesso. Come si evince dalle foto (in basso), il legno presente sul passamano degli scivoli è ruvido e leggermente scalfito, occorrerebbe levigarlo o rivestirlo, prima che qualche bambino vi ci lasci parti delle proprie mani. La struttura di legno del ponte, invece, risulta mancante di una parte del gradino e non è più collegata con le parti in plastica che ne consentono il passaggio sulla seconda torretta. Qualche bambino rischia di farsi seriamente male, vista l’altezza discreta di questo ponte. Ecco un piccolo dossier fotografico:

Rimaniamo in attesa della prossima “vittima”.