Inter.Co.PA propone la costituzione in giudizio per le tariffe idriche illegittime


Si è tenuta ieri ad Agrigento una riunione di coordinamento d’Inter.Co.PA.  Oltre ai rappresentanti dei comitati cittadini, presenti il Sindaco di Grotte Paolino Fantuzzo e i Consiglieri comunali di Sciacca Teresa Bilello e Fabio Termine.

 

Durante l’incontro il  coordinatore Franco Zammuto ha relazionato sulle diverse e gravi ultime  vicende giudiziarie che vedono coinvolte Girgenti Acque, proponendo la costituzione di Inter.Co.PA quale parte civile nella richiesta di rinvio a giudizio, da parte della Procura di Agrigento, del gestore idrico Girgenti Acque,  sulla vicenda della tariffe illegittime applicate dal 2012 al 2016. La proposta è stata accolta favorevolmente.

 

Al contempo si è manifestato al Sindaco Fantuzzo, che oggi presenzierà la riunione all’ATI per l’approvazione delle nuove tariffe idriche per il 2017, oltre alla inopportunità di procedere in tal senso, proprio alla luce delle inchieste che presumerebbero l’illegittimità delle vecchie tariffe, punto di partenza delle nuove, anche la richiesta che l’ATI si costituisca, anch’essa, parte civile nel processo sulle tariffe.

 

Rappresentanti d’Inter.Co.PA saranno presenti oggi alla riunione dell’ATI per vigilare sulle decisioni che saranno prese.

 

Appena terminato l’incontro di Inter.Co.PA. si è appresa la notizia che la Procura di Agrigento ha disposto di affidare la gestione dei depuratori sequestrati ai comuni di Agrigento, Villaggio Mosè, Licata, Cattolica Eraclea Montallegro, Siculiana e Realmonte, alla Direzione Generale del Dipartimento Regionale Acqua nella persona del dott. Maurizio Pirillo, tenuto conto dello stato complessivo con cui la Girgenti Acque ne manteneva la gestione e per non avere eseguito le prescrizioni previste all’atto del sequestro. La motivazione ha del paradossale. Sequestrati e affidati alla loro gestione che li obbligava a delle prescrizioni da rispettare, nonostante tutto si sono fatti revocare l’affido. Non si comprende, ed è inaccettabile, come l’ATI ad oggi non sia mai intervenuta per la tutela dei cittadini e per il controllo del rispetto del contratto a loro assegnato mentre si riunisce per aumentare le tariffe.

 

 

14-07-2017

 

Il Segretario Cristiano Bilello

Il Coordinatore Franco Zammuto

 

Lascia un commento